Gioacchino Volpe. Storico e Professore di storia moderna all’Accademia scientifico-letteraria di Milano (dal 1906), poi nell’università di Roma (1924 -1940). Diresse fino al 1943 la Scuola di storia moderna e contemporanea . Direttore della sezione Storia medievale e moderna della Enciclopedia Italiana (1925-37).
Deputato al Parlamento nella XXVII legislatura (1924-29); membro della Commissione per lo studio delle riforme costituzionali; segretario generale dell’Accademia d’Italia (1929-34).
Socio nazionale della Accademia dei Lincei (1935-46).
Direttore della Rivista storica italiana.
Personalità di rilievo nella storiografia italiana contemporanea, si dedicò dapprima allo studio del Medioevo e del periodo comunale; e poi si
Paganica, Aquila 1876
Santarcangelo, Forlì 1971
La biografia è tratta da
Enciclopedia Treccani
orientò verso la storia dell’Italia moderna ed il problema propriamente politico. La sua opera maggiore sono i 3 volumi Italia moderna 1943-52). Altre opere: Francesco Crispi (1928); Guerra, dopoguerra, fascismo (1928); L’Italia nellaTriplice alleanza (1882-1915) (1940); L’impresa di Tripoli, 1911-12 (1946); L’Italia del Risorgimento e l’Europa, in Nuove questioni di storia del Risorgimento e dell’Unità di Italia, vol. I, 1961; L’Italia com’era (1961); Storici e maestri (1967); Scritti sul fascismo (raccolta postuma, 1976); Nel regno di Clio ( 1977).